La magia de Il Cinema Ritrovato e Sotto le stelle del Cinema 2019

Il cinematografo bolognese continua a brillare. Si sta svolgendo in questi giorni la XXXIII edizione de Il Cinema Ritrovato a pochi giorni dal termine di Biografilm Festival 2019.
La rassegna cinematografica dedicata ai film d’un tempo si accompagna a Sotto le stelle del Cinema, il cinema all’aperto che anche quest’estate offre un programma fitto fitto di proiezioni e di ospiti che animeranno la suggestiva cornice di Piazza Maggiore.

Quest’anno Il Cinema Ritrovato omaggia due miti del cinema francese, l’attrice Musidora e l’attore Jean Gabin.
La prima, eroina impavida del cinema muto, nei primi anni del ‘900 si fece portabandiera della parità di genere. La Dixième Muse di Louis Feuillade, per citare il titolo del documentario a lei dedicato e proiettato nei giorni scorsi al Cinema Lumière, è perlopiù ricordata per il suo ruolo di Irma Vep in Les Vampires (1915), un film a episodi dove, la criminale vampira, fasciata da una tutina di seta nera piombava di soppiatto nella notte scura portando scompiglio, anche e soprattutto fuori dal set. Musidora si fece spazio nel mondo dovendo negoziare con la censura e affrontare i puritani che la additavano come immorale riuscendo tuttavia a conquistare dei posti difficilmente accessibili alle donne, diventando regista e produttrice. Rendez-nous Musidora, recita la sezione dedicata alla Vamp rivoluzionaria e, in effetti, oggi ne avremmo tanto bisogno, sia della sua arte che della sua determinazione. Per farla rivivere e poterla conoscere ancora meglio, oltre alle proiezioni proposte, a Musidura è dedicata all’entrata della Biblioteca Renzo Renzi, anche una mostra, Musidora, qu’est-elle?, una raccolta di immagini e scritti che riassumono la poetica vita della Regina del Cinema, madrina di guerra, icona di seduzione ma soprattutto un faro per l’emancipazione femminile del tempo.

Il secondo, Jean Gabin, leggenda delle pellicole francesi che sognava di fare il contadino ma che finì per seguire le orme del padre diventando un simbolo del cinema d’oltralpe.
Un attore delle rinascite, con una dote naturale per la recitazione, dal music-hall ai primi film sonori. Come racconta il documentario proposto in rassegna Un française nommè Gabin di Yves Jeuland, quella dell’attore francese fu una carriera costellata di successi chiamati Il bandito della Casbah, La grande illusione, Alba tragica, solo per citarne alcuni, ma anche di interruzioni come quando decise di arruolarsi in marina per combattere durante il Secondo Conflitto Mondiale o quando decise di dedicarsi alla terra provando finalmente ad esaudire il suo sogno di bambino. Inoltre fu, al più tardi, un maestro prezioso per i nascenti Alain Delon e Jean-Paul Belmondo, con i quali girò i film Due contro la città e Quando torna l’inverno.
Oltre ai film in programma a lui dedicati e molto ricercati, anche a Jean Gabin è dedicata una mostra situata all’Alliance Française di Bologna, la retrospettiva Jean Gabin ha gli occhi azzurri. Un titolo perfetto per descrivere l’attore francese che, con i suoi occhi chiari e malinconici ha conquistato il cuore e la memoria della sua tanto amata Francia.

Un focus interessante è anche quello dedicato a Buster Kaeton, attore, comico e regista statunitense, figura di spicco del cinema muto nello stesso periodo di Charlie Chaplin.
Come i Beatles e i Rolling Stones anche Buster Keaton è oggi ostaggio dell’eterna sfida “meglio Charlie Chaplin o Buster Keaton?”. Una sfida sterile, ovviamente! Due attori della stessa epoca ma molto diversi nella recitazione e nello spazio che occupavano davanti alla cinepresa.
A Buster Keaton, attore sublime e insuperabile, sono dedicate varie proiezioni tra cui il celeberrimo The Cameraman (Il Cameraman), restaurato in 4K, film del 1928 che lo vede attore e co-regista insieme ad Edward Sedgwick. The Cameraman sarà proiettato in Piazza Maggiore nel contesto di Sotto le stelle del cinema con l’accompagnamento dal vivo dell’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna martedì 25 giugno 2019.

Assolutamente da non perdere l’omaggio ad Oliver Stone con la proiezione in Piazza Maggiore del documentario The Doors, dedicato alla band del Re lucertola Jim Morrison in programma domenica 7 luglio 2019 e Conversation Avec Romy Schneider di Patrick Jeudy che invece verrà proiettato al DamsLab giovedì 27 giugno 2019, una conversazione tra la femminista Alice Schwarzer e la bellissima e talentuosa attrice tedesca avvenuta nel 1976, all’apice della sua carriera. Il dialogo tra le due traccia il ritratto di Romy Schneider, – l’indimenticabile Sissi insieme all’eccezionale Karlheinz Bohm nella trilogia della giovane Imperatrice – quello di un’attrice piena talento ma di altrettante ombre.

Tra i film restaurati verrà proiettato giovedì 4 luglio 2019 in Piazza Maggiore Via Col Vento di Victor Fleming.
Da segnalare anche il Tris dedicato a Truffaut tra cui La Donna della Porta Accanto in programma venerdì 12 luglio 2019 sempre in Piazza Maggiore.
Da recuperare il western Destry Rides Again (Partita d’azzardo, 1939) di George Marshall con il magistrale James Stweart in replica mercoledì 26 giugno all’Auditorium Teatro Manzoni. Non più in replica purtroppo, ma che merita di essere citato, è il documentario di André S. Labarthe My name is Elia Kazan su Elia Kazan, regista e fondatore dell’Actors Studio di New York. Tra i film di Kazan ricordiamo Viva Zapata!, La Valle dell’eden e Un volto nella folla, capolavori che vale la pena riscoprire.
Non mancano poi gli omaggi ai grandi italiani: Fellini, Eduardo De Filippo e Pupi Avati.
Ed infine l’ospite tanto atteso, Francis Ford Coppola, regista statunitense della trilogia de Il Padrino.
Coppola sarà infatti presente in Piazza Maggiore venerdì 28 giugno 2019 per presentare la versione restaurata di Apocalypse Now – Final Cut mentre il giorno antecedente alla proiezione terrà per i più fortunati una Masterclass al cinema Arlecchino.

Tutte le info su:
– Sito Web Il Cinema Ritrovato: https://ilcinemaritrovato.it/
– Programma “Sotto le stelle del Cinema”: QUI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *