Arte Fiera 2020 e Art City 2020: gli appuntamenti da non perdere

Ci siamo! Manca davvero pochissimo all’appuntamento con l’Arte, il più grande ed importante della città di Bologna: Arte Fiera. Arrivata alla 44a esima edizione Arte Fiera aprirà i battenti il 24 gennaio e sarà visitabile sino a domenica 26 gennaio 2020 al Quartiere fieristico di Bologna. Anche questa edizione è diretta da Simone Menegoi (la seconda) fiancheggiato da Gloria Bartoli alla vicedirezione artistica. Moltissime le novità, 345 artisti gli artisti presenti, 155 gallerie italiane ed estere coinvolte, rispettivamente 108 nella sezione principale (Main Section), e 47 distribuite nelle tre sezioni che sono: Fotografia e immagini in movimento; Focus; Pittura XXI.

Come lo scorso anno, per perseguire una cura maggiore ed un filo narrativo più coerente, il numero degli artisti presentati dalle gallerie saranno limitati (un massimo di tre per i piccoli stand e un massimo di sei per quelli grandi) e molte delle quali, sulla linea sposata dalla Fiera, proporranno un’esposizione monografica permettendo un approfondimento speciale degli artisti scelti.
La sezione Fotografie e immagini in Movimento, curata dal collettivo Fantom, regalerà ai visitatori uno sguardo su quelle che sono le recenti ricerche fotografiche e videografiche. La sezione Focus, invece, novità assoluta di questa edizione, si propone di approfondire un aspetto dell’arte del Novecento ed, ad inaugurarla, è la curatela di Laura Cherubini critica e storica d’arte.

Performance “Orchestra. Study # 2” de Valentina Vetturi, chemin François-Furet 8 à Genève le samedi 3 septembre 2016 de 16h30 au coucher du soleil, avec Kanako Abe, Irene Gómez-Calado, Cristina Corrieri, Christophe Eliot, Nicolas Krauze, Armando Merino, Thomas Posth, programmation .perf | Walk on the Public Site.

In questa edizione sincronica, Pittura XXI è la prima sezione di una fiera in Italia e all’estero completamente dedicata alla pittura contemporanea. Curata da Davide Ferri, il progetto offre una panoramica sul lavoro di artisti emergenti che ricollocano questa tecnica nella scena dell’arte attuale.

Riconfermato il ciclo di esposizioni Courtesy Emilia-Romagna, collezioni d’arte moderna e contemporanea, pubbliche e private, del territorio emiliano-romagnolo in mostra al padiglione 15 del Polo Fieristico. La mostra è curata dalla storica e critica d’arte Eva Brioschi e permetterà di imbattersi in maestri come Giorgio Morandi, Gerhard Richter e Salvo.

Un altro appuntamento da non perdere è quello di live arts nel progetto Oplà. Performing Activities a cura di Silvia Fanti (Xing).

Ad aprire le danze in Fiera è l’eloquente Welcome, l’opera dell’artista Eva Marisaldi composta in due parti, un’installazione che darà per l’appunto il benvenuto ai visitatori all’ingresso e un intervento diffuso in vari punti dei padiglioni e della città.
Parallelamente ad Arte Fiera, in collaborazione con il Comune di Bologna, immancabile la kermesse Art City che quest’anno è arrivata all’ottava edizione, la terza curata da Lorenzo Balbi – il direttore artistico di MAMbo – e che ha raggiunto, a detta del Presidente di Istituzione Bologna Musei Roberto Grandi, i “massimi livelli”.

L’Art Week partirà ufficialmente venerdì 17 gennaio 2020 e prevede un programma principale ricchissimo tra installazioni, mostre e performance, composto da un progetto speciale e da 22 progetti centrali – ovvero l’anima della rassegna – e da molti altri eventi dislocati in tutta la città e tutti ad ingresso gratuito!

ROMÉO CASTELLUCCI »La Vita Nuova« theatre performance at Kanal 27.11.18 in Brussels Bild: Stephan Glagla

Lo Special Project è quello di Romeo Castellucci, regista teatrale, autore, artista, e non ultimo Leone D’Oro alla carriera per il Teatro della Biennale di Venezia. La vita Nuova, questo il titolo del suo nuovo spettacolo alla sua prima nazionale, trae ispirazione dal saggio Lo Spirito dell’Utopia di Ernst Bloch ed è una celebrazione del desiderio di partorire l’arte nella sua essenza.

La Vita Nuova sarà visibile i giorni venerdì 24 e sabato 25 gennaio 2020 alle ore 19:00 e alle ore 21:00 al Capannone 4 di DumBO (in via Camillo Casarini 19), le repliche saranno quattro e l’ingresso gratuito e, perciò, sarà obbligatoria la prenotazione ritirando un coupon.

Mika Taanila Tongue Film still dalla serie Film Reader, 2017Courtesy l’artista e Balzer Projects, Ginevra

Tra i più interessanti, non possiamo non consigliarvi i progetti artistici-musicali come la mostra Damage/Control al Padiglione de l’Esprit Nouveau (in Piazza della Costituzione 11). Prima personale dell’artista e filmmaker finlandese Mika Taanila (immagine a lato), che per l’occasione presenterà una sezione consistente di opere multimediali volta ad indagare sulla trasformazione perpetua dell’immagine in movimento. La sua ricerca di tipo multidisciplinare inoltre spazia anche alle sperimentazioni musicali. Il progetto sarà visibile dal 24 gennaio al 22 marzo 2020.

Domenica 26 gennaio 2020 dalle ore 11:00, nel Foyer Respighi del Teatro Comunale (Largo Respighi 1), ci sarà il primo episodio della rassegna Domenica al Comunale dal titolo Orchestra. Studio #3, il progetto performativo di Valentina Vetturi che vede sette direttori d’orchestra professionisti dirigere la stessa partitura ovvero Introduction et allegro. Por harpe, flute, clarinette et quartour composto nel 1905 da Maurice Ravel. I direttori saranno disposti in cerchio per concertare silenziosamente ognuno un ensamble invisibile, personale e unico.
La performance durerà tre ore e sarà continua mentre il brano che verrà “eseguito” avrà una durata di 11 minuti.

Sissi – ONme, 2015
Foto da Archivio Addosso 1995
Bologna, Museo Civico Archeologico, GipsotecaPhoto Alessandro Trapezio

Il Museo della Musica di Bologna ospiterà invece dal 22 gennaio al 23 febbraio 2020 Partiture Mute. Note a margine di Donatella Lombardo, un’ulteriore elaborazione del ciclo Partiture Mute, ovvero delle riproduzioni su tela di alcune partiture musicali tese su delle strutture convesse in cui sono sovrapposti fili colorati avvolti su spilli e fuselli. Il lavoro di ricerca dell’artista propone di riscoprire le opere di compositrici dimenticate vissute tra il XII e il XX secolo.
Inoltre, assolutamente da non perdere, la mostra personale dell’artista Sissi, Vestimenti, una selezione di sculture-abito che compongono un progetto installativo pensato per il luogo che lo ospiterà cioè Palazzo Bentivoglio (via del Borgo di San Pietro 1). La mostra sarà visitabile dal 21 gennaio al 19 aprile 2020.

Altra mostra da non perdere è quella al Museo Davia Bargellini, dal 22 gennaio al 1 marzo 2020, del duo artistico Antonello Ghezzi (immagine sotto, Nadia Antonello e Paolo Ghezzi) con la collaborazione di Luigi Mainolfi che con il progetto Via libera per volare, inserito nel calendario celebrativo “100 Rodari” in occasione dei cent’anni dello scrittore e pedagogista, omaggiano Gianni Rodari ispirandosi alla favola il Semaforo Blu.

Antonello Ghezzi
Via libera per volare, 2019
Installazione con materiali vari, cm 26 x 20 x 73

Art City attraversa e si relaziona con tutte le forme d’arte e quest’anno un rapporto speciale è quello con il cinema. Le due arti si fondono e si completano in moltissime occasioni tra cui la proiezione al Cinema Lumière del docufilm di Robin Lutz Escher – Viaggio nell’infinito.

Infine, uno degli appuntamenti più attesi e partecipati è la ART CITY White Night che si terrà sabato 25 gennaio fino alle ore 24:00 in numerose sedi del circuito ART CITY Bologna, in gallerie, spazi espositivi indipendenti, palazzi storici e negozi.

Hashtag ufficiali: #artefiera2020 #ArtCityBologna

Qui di seguito il programma completo dei 22 Progetti Principali di Art City

Donatella LombardoPartitura 15 – Di Chiara Anita – Cantu di carritteri
2016Cucito e stampa digitale su stoffa, plexiglas, poliuretano espanso, fuselli, spilli, cm 45,5 x 20 x 11,5 ca
Courtesy l’artista

AGAINandAGAINandAGAINand – MAMbo – Sala delle Ciminiere
Antoni Muntadas, Muntadas. Interconnessioni – Villa delle Rose
Mika Taanila, Damage/Control – Padiglione de l’Esprit Nouveau
Io sono un pittore – Studio privato di Concetto Pozzati
Francesca Ferreri, Gaussiana – Casa Morandi
Claudia Losi Ossi – MAMbo – Collezione permanente
Nicola Toffolini Un perenne stato del presente fossile – Museo di Palazzo Poggi
Riccardo Benassi, Morestalgia – Stazione ferroviaria Bologna Centrale – Hall Alta Velocità
Valentina Vetturi, Orchestra. Studio #3
Donatella Lombardo, Partiture Mute (immagine a destra). Note a margine – Museo della Musica
Antonello Ghezzi, con la partecipazione di Luigi Mainolfi Via libera per volare – Vari luoghi
Silvia Costa, Sono dentro. L’essere ciò che è chiuso in un tratto – Biblioteca Italiana delle Donne Silvia Camporesi, Circular View – Spazio Carbonesi
Alessandro Lupi ONE, TOO, FREE. Specchi, ombre, visioni
Ann Veronica, Janssens – Cappella di Santa Maria dei Carcerat
Le realtà ordinarie – Salone Banca di Bologna – Palazzo De’ Toschi
3 Body Configurations, Claude Cahun VALIE EXPORT Ottonella Mocellin – Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna
Eulalia Valldosera, Nave Nodriza – Oratorio di San Filippo Neri
Sissi, Vestimenti – Palazzo Bentvoglio
Jimmie Durham, Un’altra pietra – another stone – Spazio Kappanoun
Figurabilità. Pittura a Roma negli anni Sessanta – MAMbo – Collezione permanente
Uniform into the work/Out of the work – MAST

Programma completo Art City Cinema

Cinema Lumière – Piazzetta Pier Paolo Pasolini 2/b
www.cinetecadibologna.it
Percorso di visioni per indagare le feconde intersezioni tra cinema e arte
Ingresso ridotto con biglietto e Card Arte Fiera
Escher – Viaggio nell’infinito (Escher: Het Oneindige Zoeken, Paesi Bassi/2019) di Robin Lutz (90’)

Mercoledì 15 gennaio h 20.00 – giovedì 16 gennaio h 22.00
Abstr-action! (40’)
Selezione di cortometraggi per la rassegna Schermi e Lavagne, dai 3 anni
Sala Cervi, via Riva Reno 72 – sabato 18 gennaio h 16.00 – ingresso libero presentando la tessera Schermi e Lavagne

Mi chiamo Altan e faccio vignette (Italia/2019) di Stefano Consiglio (75’)
Incontro con Altan e Stefano Consiglio
Sabato 18 gennaio h 20.15

Kinzart VIDEO ART WEEK
Festival di video-arte per i bambini da 0 ai 14 anni
A cura di Raffaella Frascarelli (NOMAS Foundation)
Domenica 19 gennaio h 16.00

Botero (Canada/2019) di Don Millar (82’)
Martedì 21 gennaio h 18.15 – giovedì 22 gennaio h 22.00 – sabato 25 gennaio h 18.00

Apichatpong Weerasethakul & Rirkrit Tiravanija (98’) VIDEO ART WEEK
Selezione di cortometraggi (Thailandia/1997-2018) di Apichatpong Weerasethakul
Martedì 21 gennaio h 20.00

Più della Vita (Italia/2018) di Raffaella Riva (75’)
incontro con Raffaella Rivi e Michele Sambin
Mercoledì 22 gennaio h 18.15
Apichatpong Weerasethakul & Rirkrit Tiravanija JG Reads
(Thailandia/2008) di Rirkrit Tiravanija (estratto, 90’) VIDEO ART WEEK
Mercoledì 22 gennaio h 20.00

Carracci, la rivoluzione silenziosa (Italia/2019) di Giulia Giapponesi (52’)
incontro con Giulia Giapponesi, Marco Riccòmini ed Eugenio Riccòmini
Giovedì 23 gennaio h 18.30

L’eccezione (Italia/2019) di Rä di Martino (4’) VIDEO ART WEEK
In collaborazione con il Museo Novecento e Mus.e, Firenze
Chris Burden – Documentation of selected works (USA/1971-1974, 35’)
In collaborazione con Gagosian Gallery ed Electronic Arts Intermix (EAI)
Monelle (Italia/2017) di Diego Marcon (16’)
In collaborazione con Untitled Association, Roma
Giovedì 23 gennaio h 20.00

Jos De Gruyter & Harald Thys VIDEO ART WEEK
Selezione di opere video (Belgio/1988-2015, 90’).
In collaborazione con Gavin Brown’s Enterprise, New York-Roma
Venerdì 24 gennaio h 18.00

Berlino Est Ovest (Italia/2019) di Enza Negroni (90’)
Incontro con Enza Negroni, Andrea Manetti, Massimo Augusto, Marco Giovetti, Mauro Felicori, Roberto Grandi e Massimo Iosa Ghini
Venerdì 24 gennaio h 20.00

Artaserse (Italia/2019) di Cristiano Carotti e Desiderio (65’)
Introducono Cristiano Carotti, Desiderio, Rodrigo D’Erasmo – Afterhours
Venerdì 24 gennaio h 22.30

America (USA/2019) di Garrett Bradley (30’) VIDEO ART WEEK
In collaborazione con American Academy in Rome
Ready, steady, play
A cura di Magic Lantern Film Festival
(Maria Alicata, Adrienne Drake e Ilaria Gianni 60’)
Sabato 25 gennaio h 20.00

Blue-plate. Food – Art – Activism VIDEO ART WEEK
A cura di Magic Lantern Film Festival
(Maria Alicata, Adrienne Drake e Ilaria Gianni, 90’)
Domenica 26 gennaio h 18.00

Info, aggiornamenti e social:
www.artefiera.it
www.artcity.bologna.it


Chiara Callegari, giornalista, conduce la trasmissione Caffè Scorretto in onda su Ciao Radio il sabato alle 19.00. Su Facebook la trovate QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *