Baglioni (Lorenzo) ci spiega il congiuntivo

A Saremo c’erano due Baglioni: il padrone di casa, cantautore con 50 anni di carriera alle spalle, e Lorenzo, un giovane professore di matematica con la passione per la musica, il teatro e la letteratura che in gara tra i giovani ha presentato il brano “Il congiuntivo”.

Avendo un contatto diretto coi più giovani ha capito che i giovani vogliono essere istruiti, ma nel modo giusto e così sono nate le sue “canzoni didattiche” che oggi fanno parte del disco Bella Prof! che è anche un tour che parte il 14 marzo da Bologna, teatro Dehon.

LORENZO BAGLIONI

Ho ripassato il congiuntivo, non si sa mai … Se ne sbagliano circa 80 al secondo in Italia, non vorrei sfigurare proprio con te.

Non ti preoccupare! La canzone è autobiografica, anch’io sbaglio spesso i congiuntivi e il ragazzo del video, che non ha successo nel corteggiamento proprio perché sbaglia il congiuntivo, sono io. Ho scritto la canzone proprio per vedere di imparare io per primo l’uso di questo splendido modo verbale che è il congiuntivo.

In effetti è molto bella l’idea che dà di indeterminatezza, irrealtà, possibilità. In fondo è la vita.

Proprio così. Spesso mi chiedono: “Ma è davvero così importante usare il congiuntivo?” io rispondo che certo non è questione di vita o di morte, si può parlare anche usando solo l’indicativo, però l’uso del congiuntivo dà delle sfumature in più e più sfumature si hanno nella propria tavolozza comunicativa, meglio è.

C’è  stato il momento della canzone di protesta, della canzone romantica: adesso tu hai creato la canzone didattica anche grazie alle tue origini di insegnante di matematica.

Ho insegnato per due anni matematica alle scuole superiori chiedendomi perché la matematica non viene apprezzata da chi la studia: eppure è bellissima! Se non piace, forse è perché è sbagliato il nostro modo di insegnarla e ho cercato una via piacevole per comunicare la disciplina. Le prime volte sono state canzoni rap dedicate alla matematica, poi ho cercato altri argomenti ed è nato Bella Prof!.

Diciamo anche che con le materie scientifiche è più facile trovare lavoro piuttosto che con le materie umanistiche.

È vero! Pensa che dopo tanti anni a me continuano ad arrivare proposte di lavoro sia per la scuola, sia da aziende esterne.

Hai scoperto anche la vocazione umanistica, tanto che è arrivato “Il congiuntivo”, e grazie a questo l’altro Baglioni ti ha voluto a Sanremo. Cosa ci racconti di quell’esperienza?

È stata una figata! Ringrazio davvero tutti, perché hanno creduto in questo progetto, che a me pareva strano, troppo particolare. La settimana di Sanremo è speciale, è come vivere in un altro mondo e calcare quel palco è davvero la meraviglia di tutta la vita. Non importa cosa verrà adesso: essere su quel palco riempie il cuore per sempre.

Adesso inizia il tuo tour  proprio a Bologna, una sorta di lezione a tutto tondo.

Non è solo un concerto, ma un vero e proprio spettacolo comico. Canto, certo, ma mi intrattengo anche col pubblico, parlo, racconto. Mi fa molto piacere venire a Bologna, una città dalla grande tradizione musicale, con grandi cantautori, da Dalla a Carboni: non vedo davvero l’ora!

Ogni sera sarà come avere davanti una classe molto numerosa.

È vero! In fondo, ho sempre pensato che l’insegnante sia un po’ una persona di spettacolo. Ogni lezione è come avere davanti una platea e fare il proprio piccolo spettacolo: stai comunicando, intrattenendo, condividendo dei concetti che si spera passino ai ragazzi. Mi dai l’occasione per ricordare che Bella Prof! è anche un progetto televisivo: su Sky 1 ad aprile ci saranno 12 puntate ognuna dedicata ad una canzone del disco.

Adesso il disco, il tour e vedremo cosa ti riserverà il futuro. Hai detto: “Spero che un giorno Claudio Baglioni dica: ‘Non sono parente di Lorenzo’”.

Mi piacerebbe che glielo chiedessero, certo c’è ancora molta strada da fare!

Ricordo che sei davvero eclettico, perché sei anche attore e avremo modo di vederlo sul palco. Emozionato come il primo giorno di scuola?

[Ride] Di più! Comunque questa te la rubo, è troppo bella!

Però voglio i diritti d’autore! Battute a parte, appuntamento sul palco e grazie di essere stato con noi.

Grazie a voi!


Claudia Culiersi, giornalista, conduce la trasmissione informativa musicale Music Box insieme a Lucia Marches, in onda su Ciao Radio il venerdì dalle 19.00 alle 20.00.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *