A Bologna arriva la retrospettiva dedicata al Boss

Dal 18 ottobre alla Galleria d’Arte Contemporanea Ono Arte di Bologna arriva la mostra “BRUCE SPRINGSTEEN. FURTHER UP THE ROAD. THE PHOTOGRAPHY OF FRANK STEFANKO”, una retrospettiva che ripercorre i primi anni della carriera di Bruce Springsteen attraverso le foto di Frank Stefanko.

Quella tra Springsteen e Stefanko fu una collaborazione molto importante, i due si incontrarono sul finire degli anni ’70 e a farli conoscere fu Patti Smith che aveva già avuto modo di lavorare con il fotografo – che tra l’altro conosceva dai tempi del college – ed anche con Springsteen durante la realizzazione di Because The Night.

Tra Stefanko e il Boss si instaurò subito un’empatia speciale un po’ perché entrambi figli di madre italiana e un po’ per il luogo d’origine, il New Jersey.
I due possedevano un retaggio culturale figlio della classe operaia che li portò ad avere molte cose in comune.

Lo shooting venne fatto a Haddonfield, in New Jersey, in una giornata molto fredda.
Nonostante la strumentazione precaria, Stefanko riuscì a scattare con il solo aiuto di una luce, sostenuta tra l’altro, da un ragazzino, il figlio dei vicini di casa.
Le fotografie avevano come location posti di ordinaria quotidianità: la camera da letto di Stefanko, le strade del “Garden State” innevate e le case tipiche del luogo. E fu proprio la foto scattata in camera da letto scelta per la copertina dell’album Darkness On The Edge Of Town, voluta e curata nel minimo dettaglio da Springsteen.

Il cantante ha ricordato nella sua autobiografia la collaborazione con il fotografo scrivendo:

“Le fotografie di Frank erano crude. Il suo talento è quello di spogliarti della tua celebrità, del tuo artificio e arrivare a te. Le sue foto erano ricche di semplicità e poesia di strada. Erano incantevoli e vere, ma non erano perfette. Frank cercava la tua vera essenza e naturalmente ha intuito i conflitti con i quali stavo venendo a patti. Le sue foto hanno catturato le persone di cui stavo scrivendo nelle mie canzoni e mi hanno mostrato quella parte di me che era ancora come loro. Avevamo altre opzioni per la copertina dell’album, ma non avevano la stessa “fame” delle foto di Frank.”

Frank Stefanko, nativo del New Jersey dimostrò fin dai primi anni di college una grande passione e un grande talento verso la fotografia. Mosso dalla voglia di creare, iniziò la sua carriera da autodidatta ispirandosi a grandi nomi della fotografia quali Edward Steichen, Alfred Stieglitz e Diane Arbus.
Le suo fotografie oltre all’album Darkness On The Edge Of Town sono finite sulle copertine di The River, Hearts of Stone di Southside Johnny, e del cofanetto The Arista Years 1975/2000 di Patti Smith. Inoltre ha anche pubblicato il libro Giorni di sogni e speranza in cui svela attraverso le sue foto il lato più intimo di Bruce Springsteen, e il libro Patti Smith / American Artist, un volume che comprende una serie di immagini di una giovane cantautrice immortalata tra il 1970 e il 1980.

La retrospettiva Bruce Springsteen, Further Up The Road, composta da 30 opere,  è stata realizzata in collaborazione con Wall of Sound Gallery, ed è accompagnata dall’omonima pubblicazione (400 pagine, ed. Wall of Sound).
Durante l’inaugurazione Guido Harari, fotografo e curatore, presenterà il libro assieme a Cristina Arrigoni – autrice di The Sound of Hands edito da Wall of Sound – e il cantautore americano Willie Nile, che ha avuto molte volte l’occasione di collaborare con Springsteen e Stefanko.

La mostra aprirà ufficialmente oggi, 18 ottobre 2018, e terminerà il 18 novembre 2018.


Chiara Callegari, giornalista, conduce la trasmissione Caffè Scorretto in onda su Ciao Radio il sabato alle 19.00. Su Facebook la trovate QUI.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *